5 regole contro lo smog

Influenza e Raffreddore | Sistema Immunitario | Lifestyle


A.Vogel Italia
@AVogel_Italia
+39 335 638 8055


03 marzo 2018

Sebbene sia vero che lo smog si sviluppi all'esterno, nelle vie cittadine, è ancor più vero che una volta penetrato all'interno degli edifici, l'inquinamento sia più difficile da eliminare perché rimane concentrato in uno spazio più piccolo. 

Un libro uscito nel febbraio scorso, dal titolo "Cambiamo aria", offre alcune semplici soluzioni per difendersi dalle fonti di smog presenti nelle abitazioni che spesso sono causa di allergie, asma e irritazione alle vie respiratorie. Noi vi elenchiamo i 5 punti su cui prestare più attenzione: polvere, detersivi, libreria, lenzuola e condizionatori d'aria.

Regola n.1: la polvere

L'incubo di chiunque debba pulire una casa è sempre e solo uno: la polvere. Composta per lo più dagli acari e da altre sostanze chimiche che derivano da materiali utilizzati in casa - nel caso delle donne, per esempio, i cosmetici - la polvere si deposita sul pavimento, sui mobili e sui soprammobili e difficilmente si elimina con la semplice areazione della casa, soprattutto in inverno quando le temperature calano e le finestre si tengono aperte per meno tempo. 

Lo strumento più utile per eliminarla quindi è un aspirapolvere dotato di filtro anti particolato ad alta efficienza. In questo modo, mantenendo anche un'umidità interna alla casa del 40/50% e una temperatura media sui 20 gradi, è possibile sbarazzarsi degli acari in ogni parte della casa.

Regola n.2: il bucato

Una serie di oggetti cui spesso non pensiamo come fonte di smog sono i vestiti che indossiamo ogni giorno. Lavarli in lavatrice spesso non basta se non vengono scelti i prodotti giusti. Il suggerimento di Pier Mannuccio Mannucci e Margherita Fronte, autori del libro "Cambiamo aria", è acquistare solo detersivi con marchio ecologico e che non presentano sostanze tossiche evidenziate sull'etichetta con un teschio o una X di colore nero su fondo arancione - e questo vale anche per i detergenti utilizzati in cucina o in bagno.

Regola n.3: arredamento

Via le librerie dalle camere da letto! Il miglior modo per prendersi cura della propria salute è posizionare gli scaffali pieni di libri, veri e propri ricettacoli di polvere, in salotto o in una stanza studio e non nelle camere da letto dove riposiamo. 

Lo stesso si può dire dei tappeti il cui utilizzo in casa andrebbe fortemente limitato. 

Al momento dell'acquisto di un mobile comunque prestate sempre attenzione alle etichette che indicano la qualità dei materiali: una delle sostanze più nocive per la nostra salute è la formaldeide, un gas dall'odore pungente, dai cui possono essere composte anche in minima parte, le nostre librerie.

Regola n.4: amici animali

E via anche i peluche e gli animali domestici dalle camere da letto! 

I pupazzi sono uno dei più grandi ricettacoli di polvere presenti tra le mura di casa e se vogliono essere tenuti nella stanza da letto dei più piccoli devono essere lavati ogni due settimane, per essere certi che non danneggino la salute dei bambini. Anche i cani e i gatti non andrebbero mai fatti dormire in camera da letto perché il loro pelo è una fonte primaria di inquinamento all'interno delle abitazioni. Le lenzuola poi sarebbe meglio lavarle ogni 3 o 4 giorni a 60 gradi mentre i materassi e i cuscini dovrebbero essere rivestiti di fodere anti-acari per essere ulteriormente protetti dagli agenti inquinanti.

Regola n.5: cambiare i filtri!

Infine, ricordarsi di cambiare i filtri dei condizionatori d'aria durante l'anno attraverso una manutenzione straordinaria. I filtri elettrostatici ad alta efficienza possono essere un valido aiuto per catturare pollini, polveri e acari perché sono in grado di catturare particelle di grandezza pari a meno 0,3 micrometri, quindi se gli apparecchi domestici che avete in casa lo consentono, scegliete questo tipo di filtro.

In abbinamento comprate qualche pianta da interni che aiuti ripulire l'aria dagli agenti inquinanti. Un esempio? La dracena, l'aloe, il clorofito, il crisantemo, la gerbera, il peperomia, il sansevieria e il ficus.

Echinaforce®: l'antivirale per tutta la famiglia